SOLO VIVERE

Solo vivereE poi, mentre guardi l’auto sfrecciarti accanto, mentre cerchi l’ennesimo aereo a basso costo per l’ennesima fuga travestita da viaggio di lavoro, mentre guardi il bambino impaurito attraversare la strada mano nella mano alla madre, mentre pensi a tutt’altro tentando disperatamente di non pensare a niente, hai un lampo. La risposta a tutta quell’ansia verso chissà cosa, a quella sensazione di spreco costante, nello stesso momento in cui cerchi di non sprecare nemmeno le briciole.

Passiamo la vita a tentar di fottere la morte. Invece di vivere davvero. A neutralizzare l’idea di quella spada sulla testa, lontana, in qualche puntino lassù. Invisibile, ma sapendo che c’è. Ad esorcizzare questo spettro innominato e sotterraneo, a preparare un ghigno beffardo da esibirle, quando si presenterà, per dirle: fai quello che ti pare, tanto io ti ho fottuta, ho giocato d’anticipo, ho fatto tante di quelle cose che tu ormai con me non puoi nulla. Eccetto portarmi via. Malgrado il tuo fastidioso incombere, la mia vita ha avuto un senso. L’ho riempita di un senso, ho fatto le scorte per l’inverno. E casomai per l’eternità.

Ho fatto soldi, carriera, figli che rimarranno dopo di me, ho vinto guerre, sono diventato un politico o uno scienziato, ho scritto libri e canzoni, ho dipinto quadri, ho vinto campionati, trofei, medaglie d’oro o di cartone. Ho avuto, ho preso, ho dato, ho realizzato, ho accumulato, sempre credendo di avere un qualche progetto superiore.

Ce l’avevo davvero, poi?

Ho avuto donne, forse più di quelle che davvero mi interessavano, perché ogni lasciata è persa e chissà se torna ancora, domani. Ho bevuto quando non avevo sete e mangiato quando non avevo fame. Come se non fossi certo di poter bere e mangiare anche domani. 

Ho affogato l’ansia di avere e fare tutto quello che potevo. Spesso, sai, anche quello che in fondo neppure desideravo, che in fondo non mi importava. Tutto per riempire quel vuoto, tutto solo per fottere lei, povera stronza.

Passiamo la vita a riempirla di senso, di sensi, di pieni con cui riempire vuoti infiniti. Per poi guardarci allo specchio e illuderci che non esistono più. Tutto meravigliosamente pieno, meravigliosamente compiuto. Sfioriamo con la ruota il precipizio, restiamo in bilico, siamo al capezzale di qualcuno che non ce l’ha fatta e piangiamo, per il dolore, per la perdita, col sollievo che non sia toccato a noi: non abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi, non siamo pronti, ci serve ancora tempo. Tempo. E acceleriamo ancora. Corriamo. Corriamo, quando dovremmo fermarci.

Passiamo la vita a tentar di fottere la morte, invece di vivere davvero. Invece di sederci comodi in poltrona e guardarci dentro. Parlare con quell’io tenuto laggiù, distante, quasi in castigo. Accarezzarlo, invece di massacrarlo di sensi di colpa e accuse di inadeguatezze. Invece di rallentare e chiederci se il senso sia vivere, solo vivere. Senza cercare nessun senso. Invece di amare veramente, di amare come si deve, che poi è la sola cosa che rende la vita degna di essere vissuta. Amare, solo amare.

Quanto siamo stolti, quanto?

Basilio Milatos © Riproduzione riservata

Annunci

12 pensieri su “SOLO VIVERE

  1. Bellissimo ed esauriente post!
    Sinceramente non ho mai avuto una fifa boia della morte ,certo un po’ di paura per una cosa che si ignora c’è sempre,ma credo di aver vissuto la mia vita senza pensarci troppo.
    Come dico e mi dico di qualcosa si dovrà pur morire, per cui angustiarsi prima non credo che ci renderebbero questi giorni o anni che ci restano molto gradevoli e felici.
    Il mio motto è “Vivere come se si dovesse morire da un momento all’altro” !
    ma con naturalezza e senza artifizi.
    ciao
    liù

  2. Caspita… non ci avevo mai pensato… è vero. Facciamo tante cose presi da una smania che nemmeno capiamo… forse hai proprio ragione, tentiamo solo di fottere la morte. Bella chiave di lettura, interessante, profonda, mi hai dato un ottimo spunto di riflessione. Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...