MONTAGNE RUSSE

Montagna russa e bambiniDavide guardava Lisa dall’alto. Da quella seduta così grande per un bambino come lui. In aria, come proteso verso le nuvole. Eppure, non aveva paura. Non sapeva come era finito lì, era un posto così strano. Un parco divertimenti, così lo sentiva chiamare da altri bambini. C’erano un sacco di luci, giochi, colori, persone, bimbi allegri, alcuni mangiavano zucchero filato, gli era sempre piaciuto, una nuvola bianca di sapore dolce. E lui si sentiva fuori posto. Forse lo avevano abbandonato, non ricordava niente, ogni tanto arrivava qualche signora gentile che lo teneva stretta al petto e lo faceva sentire protetto. In quel caldo e morbido contatto con la parte più materna di una donna (lui era troppo piccolo per apprezzare altri aspetti) ritrovava sensazioni antiche, ataviche, come di qualcosa che era negli abissi del suo cuore, ma a cui lui non sapeva dare un nome e un volto precisi.

Comunque, non aveva paura quando stava così. Si divertiva da matti. La giostra saliva a velocità folle e poi scendeva in picchiata in modo ancora più folle, e a lui saltava il cuore in gola. Sembrava rallentare e poi riaccelerava d’improvviso, disegnando curve e traiettorie impossibili.

Ogni tanto la giostra si fermava, Davide apriva gli occhi e si accorgeva di essere in aria, in posizione capovolta. E allora si, gli veniva ansia. Cercava qualcuno che potesse confortarlo, non trovava nessuna signora affettuosa, veniva preso da sconforto e terrore. Un attimo prima era euforico ed eccitatissimo, ora terrorizzato e triste. Si sentiva un bambino solo al mondo e sospeso nel vuoto. Finché la corsa folle riprendeva e non aveva più tempo di pensare a niente. L’adrenalina ricominciava a fluire abbondante nelle sue vene.

E poi guardava Lisa, laggiù. Era l’unico contatto con la terra ferma e l’unico che in fondo avrebbe voluto davvero. L’unico per il quale forse valeva la pena di scendere da quella strana altalena eccitante e da paura.

Lei camminava piano, costante. Mai una deviazione, mai un’impennata. Anche lei sembrava fuori posto, in quel luogo dove tutti correvano, ridevano, si divertivano. Dall’alto, Davide non poteva vederla bene, aveva solo delle sensazioni: gli sembrava tranquilla, con un’aria vagamente malinconica. Era una bambina bellissima, a cui pareva non importasse nulla del mondo intorno. Tutti quei rumori, tutti quei giochi, tutta quella gente: lei faceva sempre il suo percorso e con lo sguardo non cercava niente. Sorrideva, o almeno così sembrava a Davide dalla sua montagna russa. Aveva un adulto vicino, ma non gli dava la mano, non lo guardava: lui pensò che forse era il papà, o lo zio, o il fratello maggiore.

D’un tratto, Lisa alzò il viso e lo guardò. Davide fu certo che stesse guardando proprio lui e che gli stesse sorridendo. Sentì il cuore invaso da una inspiegabile gioia. La montagna russa in fondo era divertente, era diventata una specie di casa, ma lui doveva conoscere quella bambina. Aspettò che finisse l’ennesima corsa. Tutti scendevano e altri salivano, tranne lui. A lui nessuno diceva mai “basta, è ora di andare”. Saltò giù da solo. Gli fece impressione toccare terra, dopo tutto quel tempo sospeso in aria. Fu quasi disorientato, per un attimo ebbe paura di perdere l’equilibrio e cadere. Che figura avrebbe fatto di fronte a quella bambina?

Lei intanto procedeva con la solita andatura costante e piatta. Lui ci andò. Lei aveva degli occhi che toglievano il fiato, lui rimase senza fiato. E pensò che in quegli occhi, dal verde tenue e profondo, si sarebbe voluto perdere e si sarebbe perso.

– Ciao, mi chiamo Davide, vuoi fare amicizia? Come ti chiami?
– Io sono Lisa. Si, voglio fare amicizia con te. Ti guardavo da un po’, sai?
– A me sembrava che tu facessi sempre il tuo percorso, senza guardare niente.
– Mi stavo annoiando. E tu parevi divertirti tanto, lassù…
– Io veramente… si, mi divertivo, ma stare sempre sulla montagna russa è sfiancante, sai? Vorrei farti compagnia nel tuo cammino in pianura, stabile, tranquillo. Posso stare con te?
– Ok. Solo se tu ogni tanto mi porti con te lassù…
– Certo, affare fatto
– Affare fatto. Ci divertiremo un mondo così, vedrai
– Io non voglio più divertirmi, mi sono già divertito da non poterne più.
– E cosa vuoi allora?
– Adesso voglio essere felice
– Vieni con me, andiamo a comprare lo zucchero filato 

Basilio Milatos © Riproduzione riservata

Annunci

4 pensieri su “MONTAGNE RUSSE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...