AMO

Amo. Forse male, forse non ho mai imparato veramente, ma amo, intensamente. Il giorno di San Valentino e pure tutti gli altri.
Amo la vita.
Amo le mie figlie.
Amo la mia donna. Amo, a mio modo, anche le mie donne precedenti, in modo diverso, ma con diritto di cittadinanza nel mio cuore, sempre.
A volte amo per qualche istante persino lo sconosciuto o la sconosciuta incontrata per caso, al bar, per strada, sul social, ovunque.
Amo il mare.
Amo, e un po’ anche detesto, la mia terra, ma non potrei distaccarmene.
Amo la terra da cui provengo.
Amo la dirompente allegria mischiata o alternata alla struggente malinconia.
Amo i ricordi di quello che non ho più, e l’immaginazione o il desiderio di quello che potrò avere domani, anche quando non ne distinguo neppure i contorni.
Amo i miei punti fermi e pure la mia voglia di esplorare mete sconosciute.
Amo anche quando mi detesto, perché non so amarmi e amare come vorrei.
Amo, in modo incostante, irrequieto, immaturo, ma amo. E non potrei essere indifferente

Basilio Milatos ©Riproduzione riservata

Le foto sono di Sofia. Mia figlia

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...